RIPARTIRE PRIMA E MEGLIO

Analisi, appunti e suggerimenti per battere Covid

Cosa è ?

È il servizio  dedicato all’emergenza Covid-19 per aiutare l’impresa ad acquisire nuova finanza e mantenere il livello più elevato possibile di stock di liquidità.

Il servizio è frutto dell’esperienza maturata dalla 
  in oltre 20 anni di attività di assistenza finanziaria a piccole medie e grandi imprese.

Il servizio si sostanzia nelle seguenti attività strategiche:

  1. Esame dei fabbisogni finanziari dell’impresa mediante attività di business planning e cash management che si basano anche su innovativi strumenti di data science;
  2. Assistenza nelle relazioni con le controparti finanziarie e i sistemi di garanzia del credito (Fondo centrale di garanzia, Cofidi, Sace)

Strumenti finanziari coerenti con la crisi economica indotta da

Covid-19

Perchè ?

L’emergenza COVID -19 impone di ripensare le strategie di gestione aziendale: le attività di pianificazione, finanza e controllo non sono più una opzione ma una condizione di sopravvivenza.

Servono specifiche competenze e capacità per non commettere errori e per sviluppare scenari in cui attivare con la massima urgenza azioni opportune per superare l’emergenza, per ripartire e per sfruttare le opportunità.

Occorre immediatamente dotarsi di strumenti di business planning, cash management, analisi di costi e marginalità.

Le possibilità per una azienda di superare l’emergenza Covid-19 sono strettamente legate alla sua capacità di mantenere un adeguata riserva di liquidità rinviando ad un secondo momento considerazioni strategiche sulla marginalità e la redditività delle operazioni aziendali

Le priorità strategiche dovrebbero essere le seguenti:

PRIORITA 1 CASH FIRST

Obiettivo:

MANTENERE UNA RISERVA DI CASSA PIÙ ALTA POSSIBILE EVITANDO DI BLOCCARE INDISCRIMINATAMENTE I PAGAMENTI A FORNITORI.

Strategia:

anticipare ed aumentare i flussi in entrata e/o ridurre e posticipare quelli in uscita.

Azioni:

1

Esaminare lo scadenziario fornitori rimodulandolo strategicamente;

2

Comunicare ai creditori le nuove scadenze;

3

Esaminare, quantificare e gestire le uscite indifferibili;

4

Istituire un presidio permanente di controllo sistematico ed organizzato dei flussi finanziari (controllo infrasettimanale o settimanale);

5

Stimare i tempi di esaurimento della riserva di cassa rispetto a vari scenari graduati a fronte di previsioni con grado crescente di pessimismo;

6

Sospendere mutui e leasing ed attivarsi per la richiesta della moratoria delle fatture anticipate;

7

Monitorare giornalmente, con l’aiuto di consulenti qualificati l’evolversi degli strumenti messi a disposizione da governo centrale e regionale per il sostegno della liquidità dell’azienda;

8

Ridurre le giacenze di magazzino; vendere anche a prezzi ridotti ed a particolari condizioni vantaggiosi (es: sconti/quantità);

9

Preparare un set documentale da presentare alle banche per la richiesta di nuova finanza;

10

Tenere aggiornata la contabilità;

11

Acquisire nuova finanza a lungo termine avvalendosi di tutte le facilities esistenti.

PRIORITA 2 CASH IS KING

Obiettivo:

creare cassa.

Strategia:

COMPRARE E VENDERE ALLE MIGLIORI CONDIZIONI DI PAGAMENTO/INCASSO ANCHE A COSTO DI SACRIFICARE UN PO' DI MARGINE A VANTAGGIO DELLA LIQUIDITÀ

Azioni:

1

Concentrare gli acquisti su prodotti ad alta rotazione con il migliore il trade-off che possono non coincidere con quelli a migliore marginalità (liquidità vs. marginalità);

2

Ridurre i lotti di acquisto, spuntando parità di condizioni; 

3

Sospendere tutte le forniture di servizi non essenziali (valutando anche l’applicabilità di sanzioni se previsto rispetto alle cause di forza maggiore);

4

Sospendere o ridurre l’operatività dei reparti non essenziali alla fatturazione;

5

Contract review con banche, clienti e fornitori;

6

Valutare il rinvio del pagamento di imposte, tasse e contributi (se non già bloccate dai provvedimenti governativi) avvalendosi degli istituti del ravvedimento operoso ed avvisi bonari;

7

Ridurre i costi ovvero cost cutting (es dismettere sedi di rappresentanza, contenere gli spazi, ecc);

8

Alienare cespiti ed asset non strettamente essenziali alla attività produttiva;

9

Accelerare la chiusura di eventuali contenziosi attivi per via stragiudiziale riconoscendo al debitore maggiori riduzioni degli importi dovuti a fronte della liquidazione immediata;

10

Ridurre l’utilizzo di personale;

11

Rafforzare l’attività di recupero crediti;

12

Valutare i vantaggi fiscali della cessione dei crediti deteriorati (DTA).

PRIORITA 3  RISK MANAGEMENT

Obiettivo:

ridurre i rischi aziendali

Strategia:

valutare con attenzione tutti i rischi ai quali l’impresa è soggetta durante/dopo l’emergenza Covid

Azioni:

1

Assicurare l’attuazione di tutte le disposizioni normative emanate dalle autorità, curando l’aggiornamento degli strumenti operativi implementati (es. DVR, DUVRI, Modello231, Flussi Informativi verso OdV,etc);

2

Elaborare una analisi approfondita dell’impatto della diffusione del Covid -19 sull’organizzazione aziendale, sul mercato di sbocco e di approvvigionamento volta a gestire ed individuare nuove opportunità;

3

Rivedere politiche di make or buy;

4

Rafforzare lo smart working;

5

Rafforzare la sicurezza informatica e l’infrastruttura IT per garantire la continuità operativa.

Frequently Asked Questions

Innanzitutto occorre fare il “punto della situazione” ovvero definire con la maggior precisione possibile le ipotesi di incasso e di conseguenza valutare le possibilità di pagamento, individuando le posizioni per le quali è possibile ottenere un posticipo nella regolarizzazione. Occorre quindi  prefigurare scenari alternativi evitando di eccedere sia in previsioni troppo ottimistiche che troppo pessimistiche. 

Nella stragrande maggioranza dei casi sarà necessario accedere a nuova finanza per mantenere in equilibrio l’impresa valutando, con gli strumenti di analisi a disposizione e con tutte le cautele del caso, le possibilità di rimborsarli nel lungo tempo. 

L’opportunità di accedere ad un preammortamento di 24 mesi, con gli attuali tassi molto ridotti, mette l’impresa in una posizione di relativa serenità dandole il tempo di riprogrammare il rilancio della sua attività.

Il DL “Liquidità” prevede che il finanziamento coperto dalla garanzia pubblica sia destinato a sostenere costi del personale, investimenti o capitale circolante impiegati in stabilimenti produttivi e attività imprenditoriali che siano localizzati in Italia […]. 

Quindi i prestiti garantiti dallo Stato servono per far ripartire l’impresa ed il servizio CashBoost  serve a consentirle di accedere alle condizioni migliori ai prestiti disponibili sulla piazza. 

Le rinegoziazioni e consolidamenti su passività a breve termine sono fattibili. Circa le rinegoziazioni la norma prevede che la banca debba concedere una liquidità aggiuntiva in misura almeno pari al 10%; con CashBoost sarà possibile razionalizzare ed ottimizzare la propria posizione finanziaria.

Il preammortamento (pagamento dei soli interessi) è esplicitamente previsto per i finanziamenti garantiti fino a 25 mila euro, ma l’istituto di credito può valutare se concederlo anche per importi più elevati, comunque entro il limite di 6 anni.

Attivare cash boost è molto semplice. Basta inviare l’ultimo bilancio approvato, una situazione contabile aggiornata, l’estratto della centrale dei rischi e rispondere ad una breve intervista durante la quale Promem acquisirà le informazioni necessarie

La Promem è costituita da banche e vanta rapporti privilegiati con tutti i principali istituti di credito.

La norma prevede che l’importo del finanziamento non possa superare, alternativamente: 

      1) il doppio  del costo del personale per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile. Nel  caso di imprese costituite  a  partire  dal  1º  gennaio  2019,  l'importo massimo del prestito  non  può  superare  il costo del personale previsti per i primi due anni di attività; 

      2) il 25% del fatturato totale  conseguito nel 2019; 

      3) il fabbisogno per costi del  capitale  di  esercizio  e  per costi di investimento nei successivi 18 mesi, nel caso di  piccole  e medie imprese, e nei successivi 12 mesi,  nel  caso  di  imprese  con numero  di  dipendenti  non  superiore  a  499.

Il calcolo del capitale di esercizio, che i realtà riguarda il capitale circolante, sarà sviluppato dalla Promem e condiviso con il cliente prima di presentare la richiesta alla banca.

Devi far ripartire la tua impresa? Hai una domanda da fare? 

Compila i campi del form in basso, gli esperti Promem ti risponderanno appena possibile

NEWS 

Contattaci.

Invia un messaggio, verrai presto ricontattato 

Nome e Cognome
Email *
Ragione sociale
Numero telefonico*
+39
  • Afghanistan +93
  • Albania +355
  • Algeria +213
  • American Samoa +1
  • Andorra +376
  • Angola +244
  • Anguilla +1
  • Antigua and Barbuda +1
  • Argentina +54
  • Armenia +374
  • Aruba +297
  • Australia +61
  • Austria +43
  • Azerbaijan +994
  • Bahamas +1
  • Bahrain +973
  • Bangladesh +880
  • Barbados +1
  • Belarus +375
  • Belgium +32
  • Belize +501
  • Benin +229
  • Bermuda +1
  • Bhutan +975
  • Bolivia +591
  • Bosnia and Herzegovina +387
  • Botswana +267
  • Brazil +55
  • British Indian Ocean Territory +246
  • British Virgin Islands +1
  • Brunei +673
  • Bulgaria +359
  • Burkina Faso +226
  • Burundi +257
  • Cambodia +855
  • Cameroon +237
  • Canada +1
  • Cape Verde +238
  • Caribbean Netherlands +599
  • Cayman Islands +1
  • Central African Republic +236
  • Chad +235
  • Chile +56
  • China +86
  • Christmas Island +61
  • Cocos +61
  • Colombia +57
  • Comoros +269
  • Congo - Kinshasa +243
  • Congo - Brazzaville +242
  • Cook Islands +682
  • Costa Rica +506
  • Côte d’Ivoire +225
  • Croatia +385
  • Cuba +53
  • Curaçao +599
  • Cyprus +357
  • Czech Republic +420
  • Denmark +45
  • Djibouti +253
  • Dominica +1
  • Dominican Republic +1
  • Ecuador +593
  • Egypt +20
  • El Salvador +503
  • Equatorial Guinea +240
  • Eritrea +291
  • Estonia +372
  • Ethiopia +251
  • Falkland Islands +500
  • Faroe Islands +298
  • Fiji +679
  • Finland +358
  • France +33
  • French Guiana +594
  • French Polynesia +689
  • Gabon +241
  • Gambia +220
  • Georgia +995
  • Germany +49
  • Ghana +233
  • Gibraltar +350
  • Greece +30
  • Greenland +299
  • Grenada +1
  • Guadeloupe +590
  • Guam +1
  • Guatemala +502
  • Guernsey +44
  • Guinea +224
  • Guinea-Bissau +245
  • Guyana +592
  • Haiti +509
  • Honduras +504
  • Hong Kong +852
  • Hungary +36
  • Iceland +354
  • India +91
  • Indonesia +62
  • Iran +98
  • Iraq +964
  • Ireland +353
  • Isle of Man +44
  • Israel +972
  • Italy +39
  • Jamaica +1
  • Japan +81
  • Jersey +44
  • Jordan +962
  • Kazakhstan +7
  • Kenya +254
  • Kiribati +686
  • Kosovo +383
  • Kuwait +965
  • Kyrgyzstan +996
  • Laos +856
  • Latvia +371
  • Lebanon +961
  • Lesotho +266
  • Liberia +231
  • Libya +218
  • Liechtenstein +423
  • Lithuania +370
  • Luxembourg +352
  • Macau +853
  • Macedonia +389
  • Madagascar +261
  • Malawi +265
  • Malaysia +60
  • Maldives +960
  • Mali +223
  • Malta +356
  • Marshall Islands +692
  • Martinique +596
  • Mauritania +222
  • Mauritius +230
  • Mayotte +262
  • Mexico +52
  • Micronesia +691
  • Moldova +373
  • Monaco +377
  • Mongolia +976
  • Montenegro +382
  • Montserrat +1
  • Morocco +212
  • Mozambique +258
  • Myanmar +95
  • Namibia +264
  • Nauru +674
  • Nepal +977
  • Netherlands +31
  • New Caledonia +687
  • New Zealand +64
  • Nicaragua +505
  • Niger +227
  • Nigeria +234
  • Niue +683
  • Norfolk Island +672
  • North Korea +850
  • Northern Mariana Islands +1
  • Norway +47
  • Oman +968
  • Pakistan +92
  • Palau +680
  • Palestine +970
  • Panama +507
  • Papua New Guinea +675
  • Paraguay +595
  • Peru +51
  • Philippines +63
  • Poland +48
  • Portugal +351
  • Puerto Rico +1
  • Qatar +974
  • Réunion +262
  • Romania +40
  • Russia +7
  • Rwanda +250
  • Saint Barthélemy +590
  • Saint Helena +290
  • Saint Kitts and Nevis +1
  • Saint Lucia +1
  • Saint Martin +590
  • Saint Pierre and Miquelon +508
  • Saint Vincent and the Grenadines +1
  • Samoa +685
  • San Marino +378
  • São Tomé and Príncipe +239
  • Saudi Arabia +966
  • Senegal +221
  • Serbia +381
  • Seychelles +248
  • Sierra Leone +232
  • Singapore +65
  • Sint Maarten +1
  • Slovakia +421
  • Slovenia +386
  • Solomon Islands +677
  • Somalia +252
  • South Africa +27
  • South Korea +82
  • South Sudan +211
  • Spain +34
  • Sri Lanka +94
  • Sudan +249
  • Suriname +597
  • Svalbard and Jan Mayen +47
  • Swaziland +268
  • Sweden +46
  • Switzerland +41
  • Syria +963
  • Taiwan +886
  • Tajikistan +992
  • Tanzania +255
  • Thailand +66
  • Timor-Leste +670
  • Togo +228
  • Tokelau +690
  • Tonga +676
  • Trinidad and Tobago +1
  • Tunisia +216
  • Turkey +90
  • Turkmenistan +993
  • Turks and Caicos Islands +1
  • Tuvalu +688
  • U.S. Virgin Islands +1
  • Uganda +256
  • Ukraine +380
  • United Arab Emirates +971
  • United Kingdom +44
  • United States +1
  • Uruguay +598
  • Uzbekistan +998
  • Vanuatu +678
  • Vatican City +39
  • Venezuela +58
  • Vietnam +84
  • Wallis and Futuna +681
  • Western Sahara +212
  • Yemen +967
  • Zambia +260
  • Zimbabwe +263
  • Åland Islands +358
Messaggio
Invia

Chi siamo

Dal 1995 Promem opera nel settore della consulenza strategica alle imprese con una particolare expertise nel settore della finanza aziendale.

Soci fondatori sono banche, imprese, enti ed associazioni di categoria.

Per maggiori dettagli

i Servizi offerti da Promem.

Cash Management

Servizi di assistenza all’impresa nella gestione dei flussi finanziari e nella ricerca di finanziamenti a condizioni molto vantaggiose e/o in condizioni di emergenza.

Controllo direzionale

Supporto all’imprenditore ed al management nella progettazione ed implementazione di sistemi di controllo di gestione evoluti che prevedano anche strumenti di business intelligenze e data science.

SePI
PROMEM

Supporto e Protezione Imprese. Pacchetto di servizi di controllo di gestione “light” ovvero che richiedono un impegno minimo da parte della impresa e dei suoi consulenti nella produzione di dati ed informazioni.

Può essere utilizzato per adempiere alle prescrizioni nel nuovo codice della crisi e dell’insolvenza.

Operazioni straordinarie

Supporto economico/finanziario nelle operazioni di M&A e turnaround.

Rating Advisoring

Pacchetto di servizi per il governo del rating creditizio allo scopo di migliorarlo e/o mantenerlo alto.

Project Financing

Nel corso degli anni Promem ha assunto un ruolo leader nel settore della consulenza ad imprese ed enti pubblici per l’utilizzo dello strumento del project financing per la realizzazione di investimenti.